Il “lockdown”, anche se tu e i tuoi collaboratori avete lavorato sempre e forse anche più che in tempi normali, ci ha allontanati fisicamente. Le riunioni veloci che si facevano prima davanti alla macchinetta del caffè o lo scambio di battute davanti alla porta dell’ufficio sono un ricordo lontano.

Il telefono con tutte le app del caso hanno sostituito i contatti personali.

Le abitudini per fortuna si cambiano velocemente, soprattutto se siamo costretti! E nuove abitudini nel giro di tre mesi hanno sostituito le precedenti.

La conseguenza principale di questi cambiamenti è che molti degli strumenti che utilizzavi prima non sono più funzionali ed è tempo di aggiornarli o sostituirli.

In questi mesi in molti hanno scoperto applicazioni di webmeeting e chat che prima erano utilizzate da pochissime persone. Alcuni nomi? Google meet, jitsi meet, team di Microsoft, Skype, Zoom e chissà quante altre.

Anche un comparto sempre restio ai cambiamenti come quello della pubblica amministrazione (scuola compresa) ha attivato una serie di servizi innovativi per permettere in un modo o nell’altro di proseguire con le attività.

Ma per il tuo studio … qual è la soluzione migliore?

In realtà la soluzione migliore non è sempre la stessa. Dipende da come hai lavorato fino ad ora e dagli strumenti che hai a disposizione (anche dal budget, naturalmente).

Te ne propongo due, che sono quelle che implemento negli studi come il tuo più frequentemente.

Google Calendar e Google Meet

La gestione con Google Calendar e i Google Meet è senz’altro la più economica e funzionale. Per questa applicazione ho creato un apposito corso in Area Risevata per la configurazione e la gestione.

Dalla prossima settimana partirà la campagna di marketing per la sua vendita con abbinati i pacchetti di assistenza alla configurazione.

Se vuoi tenerti aggiornato puoi lasciarmi la tua mail e ti contatterò con tutte le informazioni del caso

Microsoft Teams (Microsoft 365 e Microsoft Exchange Server)

Per quanto riguarda la piattaforma Microsoft devi sapere che i costi di gestione sono molto variabili. Se vuoi davvero che tutto funzioni a dovere dovresti avere un account Office (che da qualche settimana si chiama Microsoft 365) per ogni componente dello studio.

Quindi spenderai dai 4 ai 15 euro al mese per ogni utente. Ci sono delle scappatoie ma che in realtà possono limitare i benefici di avere un unico fornitore di servizi e quindi tutti i collegamenti e le interazioni tra i servizi stessi. Se pensi che Microsoft sia più affidabile di Google come partner magari mi contatti e vediamo di progettare una soluzione su misura per te.

Zoom, Jitsi meet, Skype ….

Se ti serve una piattaforma veloce per incontrarti con i tuoi collaboratori o con i tuoi clienti sicuramente non hai che l’imbarazzo della scelta. Il consiglio è sceglierne una! Secondo me una vale l’altra, in alcune ci sono delle limitazioni commerciali in altri casi limitazione di numero utenti o di durata dei meeting. In ogni caso dovresti utilizzarle solo per l’emergenza e pianificare una soluzione stabile tra quelle che ti ho consigliato.